Salone del Mobile e Fuorisalone: manuale di sopravvivenza

aprile 9, 2014

salone del mobile 2014

Tutti giù per terra! E’ tornato il Salone del Mobile, o, per dirla in modo fashion, la Milano Design Week(#milanodesignweek #iohounhastagetuno). Cosmit si sfrega le mani: per il Salone del Mobile 2014 dall’8 al 13 aprile alla Fiera di Rho sono attesi ben 300 mila visitatori, quasi un anticipo di Expo 2015. Però, diciamoci la verità: del Salone vero e proprio poco importa ai non addetti al settore, è il Fuorisalone a dettare tendenza, ovvero tutto quel microcosmo di eventi connessi alla fiera (circa 900 in tutto) che per una settimana paralizza la città, risvegliando il mondano sopito che sonnecchia in ognuno di noi.

Perché i mobili, noi, li si compra all’IKEA, ma poi ci precipitiamo a sorseggiare aperitivi all’evento “Mille poltrone possibili” realizzato dal designer finlandese dal nome impronunciabile insieme al celebre artista contemporaneo che da anni rifiuta di mostrarsi in pubblico e di cui nessuno conosce il nome. Le sedie nemmeno le prendiamo in considerazione (anche perché sopra c’è seduta la Abramovic, vorrai mica disturbarla nella sua performance) ma in compenso le tartine al salmone non avranno scampo.

Visto che proprio non possiamo mancare alla Fiera delle Fiere, ecco qualche consiglio antipanico.

1- Lasciate a casa l’auto. A Milano già non si trova parcheggio in un giorno normale, figuriamoci adesso. In compenso, oltre che con la metro e il passante ferroviario si può arrivare a Rho Fiera con Car2Go; per il Fuorisalone, il bike sharing dell’ATM viene prolungato nelle ore notturne, con stazioni straordinarie nelle zone della movida.

2- Le zone a cui fare riferimento sono essenzialmente due: Brera e la zona Tortona, ma non sottovalutate le altre, in primis Lambrate-Ventura, Porta Venezia, Paolo Sarpi, Sant’Ambrogio

3- Quest’anno si guarda molto ad Expo, il cui tema è il food: si moltiplicano gli eventi stile “food design”, anche con prezzi accattivanti (ne è un esempio lo street food con panini d’autore acquistabili in Piazza Affari)

Alcune chicche:

– L’Università degli Studi di Milano, in Via Festa del Perdono, ha interessanti installazioni al suo interno, se non siete rimasti traumatizzati da quegli anni, fateci un salto

Milano Makers: mostra Sharing Design, con il meglio dell’autoproduzione di Design alla ricerca di nuovi sistemi produttivi ispirati alla sharing economy

– Al Superstudiopiù di Via Tortona (immancabile classico) il Temporary Museum of New Design, percapire le nuove tendenze in una festa di forme, luci e colori

Swedish Design goes Milan in Real Life, rassegna dedicate al design svedese

Eating Design, evento di food Design, venerdì 11 aprile ore 18:00 presso la scuola Food Genius Academy, viale Col di Lana 8

Have fun! E non dimenticate l’#hasthtag

About 

Travel Blogger per passione, giornalista pubblicista (nessuno è perfetto), web communication account. Soprattutto, hipster dalla nascita senza possibilità di redenzione. Vivo di comunicazione digitale e cupcake inseguendo nuovi orizzonti armata di valigia e tablet.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go top
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers

Shares