Barossa Valley: la terra dei vini australiana

agosto 13, 2014

Barossa Valley: la terra dei vini australiana

Gli hipster lo sanno: i vini australiani sono, a buon diritto, tra i più rinomati del mondo. Gli scettici e gli eurocentrici del calice possono ricredersi facilmente con un soggiorno nella Barossa Valley, l’incantevole terra dei vigneti che tutto il continente invidia al South Australia.

La Barossa Valley dista appena 1 ora da Adelaide, davvero nulla per le distanze australiane, e colpisce per il suo aspetto decidamente “mediterraneo”: qui la vite vince sull’onnipresente eucalipto, abbondano campi di olive, pomodori e mandorle.

Barossa casa vinicola South Australia

Tra il verde spuntano tenute dall’architettura coloniale: sono case vinicole in cui si tengono degustazioni ed esperienze gastronomiche, molte offrono anche un trattamento bed&breakfast.

Vini Australiani: più antichi di quelli europei!

I detrattori rimproverano agli australiani una scarsa esperienza in fatto di vino: i coloni europei che piantarono le viti in Australia giunsero “solo” nella seconda metà dell’Ottocento, a fronte dell’esperienza millenaria degli europei.

barossa antiche vinerie

Dimenticano però un particolare importante: proprio alla fine del XIX secolo,  le viti europee vennero attaccate dalla filossera, una malattia delle piante che minacciava l’esistenza dei vitigni più pregiati. Per consentirne la sopravvivenza, vennero incrociati con i vitigni americani, immuni dalla filossera. In Australia, tuttavia, la filossera non “sbarcò” mai quindi non ci fu necessità di innesto. Di conseguenza, gli australiani vantano il possesso dei vitigni europei “originali”. Questa è una delle ragioni che li rende così cauti a far entrare nel paese alimenti, legno o qualunque altra cosa di origine vegetale o animale che possa nascondere parassiti o funghi. Compreso il terriccio che rimane incastrato nella suola delle scarpe!

Barossa casale tra i vigneti

Il periodo ideale per visitare il Barossa è tra fine febbraio, la fine dell’estate, e marzo, che coincide con la vendemmia australiana. Si visita con facilità: basta noleggiare un auto per perdersi tra le Adelaide Hills e da lì proseguire. Se non ve la sentite di guidare a sinistra (e temete l’incontro ravvicinato con koala e canguri) potete approfittare dei tanti tour organizzati che toccano le wine house più rinomate, passando per cittadine immerse nel verde come Tanunda, Angastone. Ma di queste parleremo al prossimo post!

 

About 

Travel Blogger per passione, giornalista pubblicista (nessuno è perfetto), web communication account. Soprattutto, hipster dalla nascita senza possibilità di redenzione. Vivo di comunicazione digitale e cupcake inseguendo nuovi orizzonti armata di valigia e tablet.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go top
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers

Shares